pitti firenze

logo 313

il linguaggio utilizzato per rappresentare 313, prevede un azzeramento dei termini gestuali ed espressivi della narrazione figurativa. l’allestimento descrive un singolo istante, dove vengono messi in risalto solo colori, tessuti e movenze dei capi, su disegno della stilista stefania cazzaro (ex prada), unici protagonisti della scena composta da pannelli di specchi che amplificano lo spazio, riflettono frammenti di immagini di varie forme e colori, che si stagliano nell’affascinante location fortezza da basso, rendendola priva di confini, dove, soprattutto le persone, hanno la possibilità di muoversi, specchiarsi, guardare i riflessi, entrando così all’interno dell’opera.

tipologia

allestimenti

cronologia

apr 2016-giu 2016

superficie

35 mq

committente

comei&co

designer

studio piquattropunto -
pierpaolo filipponi - architetto
pamela rastelli - architetto

fotografia

pierpaolo filipponi

bozzetto palcoscenico

concepiamo lo spazio di rappresentazione come un palcoscenico teatrale, un’immagine statica, un singolo fotogramma della storia, in cui le figure si colorano, vestendo gli abiti di scena.

manichini
dettaglio manichini
cartellino 313

piquattropunto © 2017. tutti i diritti riservati. p.iva 02139840447. credits